Acon ossia udito, notizia udita o orecchie

Acon ossia udito, notizia udita o orecchie

Questo sostantivo di uso comune anche nella grecità profana dalle origini fino all’età della decadenza e anche nei LXX, presenta:

  • Il significato attivo di senso, organo dell’udito (Mc 7,35 pass);
  • Il significato passivo di diceria, notizia che viene udita (Mc 1,28 ecc) Perciò acon si avvicina per il significato ad aggelia e a kerugma e può essere usato come termine tecnico per indicare l’annuncio, la predicazione (anche logos axons 1 Thess 2,13, Heb 4,2). L’accento della parola batte però non tanto sull’annuncio in sé, quanto su coloro che lo ascoltano Rom 10,6; Heb 4,2. Anche in questo caso l’accezione della parola è mutuata dalla lingua dei profeti (Rom 10,16; Io 12,38 = Is 53,1) Perciò non può essere dubbia l’interpretazione di Gal 3,2. E’ chiaro che non bisogna intendere pistis acons, ma acon pisteos, e ciò significa – corrispondendo a erla nomos – non “ascolto fiducioso”, ma predicazione della fede, annuncio che ha come contenuto e scopo la fede.
  • Pare che spesso la aconai fossero orecchie applicate alle pareti dei templi e degli altari a simboleggiare la divinità che ascolta ed esaudisce. Si tratta di una usanza sorta in Egitto e di qui diffusasi nel mondo antico, per quale essa costitutiva un’ottima rappresentazione sensibile del teos apecoos. Così nel tempio di Iside a Pompei, sulla parte dietro alla statua di Dioniso Osiride, erano modellate due orecchie di stucco; lo stesso particolare si ritrova in alcuni altari di Delo (Atargartide), di Arles (Bona dea) e altri, come pure su numerose tavolette votive su cui sono raffigurate orecchie che certamente solo “in casi rarissimi” erano ex voto simboleggianti orecchie risanate.  A una usanza del genere sembra riferirsi un’iscrizione di Apollonia sul Rindaco e un’altra rinvenuta ad Aquileia. Ma il termine axon indicava anche certe località nelle vicinanze del tempio, nelle quali si potevano percepire voci misteriose descritte da Psello. Questo significato della parola si avvicina assai a quello biblico di “rivelazione , annunzio” proveniente da Dio.

Un pensiero su “Acon ossia udito, notizia udita o orecchie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...